Iscrizione x 1 anno
Rinnovo annuale
"Una Limosna Por el Amor de Dios", Agustín Barrios Mangoré
  Versione e Diteggiatura:
Renato Bellucci

Una limosna por el amor de Dios

E' nota la passione dei chitarristi classici per i pezzi di tremolo. Il piú conosciuto di tutti è Recuerdos de la Alhambra. Appartiene a uno dei pochi compositori per chitarra precedenti a Barrios Mangoré. Se la storia della musica è comunemente centrata su una periodizzazione Prima di Bach - Dopo di Bach, il mondo della chitarra, per me, si centra su una periodizzazione Prima di Barrios - Dopo di Barrios.  Recuerdos de la Alhambra è un pezzo allucinante... Una Limosna por el amor de Dios (El Ultimo Canto) di Barrios Mangoré è un capolavoro.  

Il miglior tremolo che abbia mai sentito è stato quello prodotto da Narciso Yepes.  La sua registrazione per la Deutsche Grammophon di Recuerdos de la Alhambra è semplicemente sconvolgente. Anche il tremolo di Segovia era notevole, nonostante lo esibisse raramente in concerto. Questo era dovuto al fatto che, a parte Recuerdos, gli altri grandi tremoli si trovavano in Una Limosna por el amor de Dios e Un Sueño en la floresta, entrambi di Mangoré.  Segovia non ha mai suonato musica di Mangoré, anche se ammirava molto il compositore paraguaiano conosciuto tempo addietro in Buenos Aires. Si era portato via una copia dedicata de La Catedral che ha promesso di suonare e registrare... cosa che non ha poi mai fatto... e i motivi sono quasi troppo ovvi... speculazioni peccaminose :) .
Se non fosse per il chitarrista angloaustraliano John Williams, che ha registrato Barrios negli anni 70, probabilmente neanche avremmo conosciuto questo fenomenale compositore e chitarrista. 

Parte 2

Inizio la seconda sezione di questa pagina mostrandoti il miglior approccio ad un tremolo efficiente.  Semplicemente osserva le immagini.



Il tremolo è un effetto tipo mandolino che richiede dall'alunno un tipo di preparazione specifico. Trasmette una sensazione di stereofonia,  l'ascoltatore crede a momenti di star sentendo addirittura due strumenti simultaneamente. 

La tecnica del tremolo

Il problema tipico con lo studio del tremolo è che la grande maggioranza dei chitarristi vuole iniziare a suonarlo nella sua forma finale. E' una tecnica chitarristica così complessa e allo stesso tempo rilassata che solo i musicisti che approcciano lo studio del tremolo nel modo giusto riusciranno eventualmente a suonare un tremolo bellissimo. Devi diventare un buonissimo amico del tuo metronomo... se non lo sei ancora, non so cosa aspetti. Ti raccomando quelli di vecchio stile, col pendolo, perché ti allenano l'occhio, il chè è un bene quando stai suonando con altri musicisti. Inizia a 80 battiti al minuto  e aumenta gradualmente la velocità, ma soltanto quando riesci a suonare impeccabilmente per 30 secondi senza tregua. Senza eccezioni. L'allenamento delle dita nell'esecuzione del tremolo inizia sentendo ogni corda con la punta di ogni dito. Sentire le corde dà sicurezza alla mano destra, che privata così spesso dal tuo sguardo trova la sua 'visione' nel senso del tatto.
Planting the fingers in tremolo

Qui sopra puoi vedere la frazione di secondo che precede il pizzicare della seconda corda durante il tremolo. La carne della punta del dito sta sfiorando la corda e sta per muoversi in modo staccato. Nel costringere la mano destra a piantare il dito sulla corda prima di pizzicarla, stai educandola a restare molto vicina alle corde tutto il tempo, e userai il fascio di muscoli più grande ed efficace per il compito. Toccare la corda ti dà il controllo preciso del suono che vuoi produrre. Dopo questo quadro, arriva il vero pizzico della corda: l'unghia attraversa la corda, e dipendendo dall'angolo col quale la colpisci, avrai un suono più pieno o più debole. La paletta di effetti a disposizione dipende dal tuo dominio e dalla qualità del tuo strumento, ed è praticamente infinita. Nel pezzo di tremolo, questa sequenza si ripete all'inifnito. La mano ben allenata farà il suo lavoro con solo minori accorgimenti da parte dell'esecutore.

Una Limosna por el amor de Dios è l'ultima composizione di Mangoré. Il pezzo si basa su una storia vera.

Ecco cosa racconta la 'leggenda': 2 luglio 1944

Mangoré era a San Salvador in mezzo a una lezione quando, all'improvviso, qualcuno ha suonato alla porta. Barrios aprì e trovò un'anziana con la mano estesa che gli chiese "Un'elemosina per l'amor di Dio"- Mangoré ha regalato alla donna delle monete, e poi è tornato dall'alunno con un leggero sorriso. L'ha guardato e ha detto 'Sto lavorando su un pezzo nuovo, e adesso so cosa mancava: il suono dei colpi bussando alla porta'--- Barrios è morto il 7 agosto di 1944 e ha lasciato il pezzo finito ma senza titolo.  Quando l'alunno che era con lui ha raccontato questa storia, il pezzo è stato chiamato  "Una limosna por el amor de Dios"...e per essere stata anche l'ultima composizione di Mangoré, è spesso chiamato "El Ultimo Canto".

Il suono della porta appare nella prima misura e non se ne andrà mai. E' rappresentato dalle 2 doppie crome che suonano la melodia ritmica contrastante rispetto al tremolo (melodia principale).  Il suonatore deve tentare di dare alle due note consecutive il loro carattere persistente e supplicante. 

Ho lavorato sulla diteggiatura di questo pezzo con il maestro Carlevaro in Montevideo. L'anno, 1986. La diteggiatura dei pezzi è un'attività di alti livelli di sfida. Trascorrere tempo su di essa darà garanzia di un pezzo di musica più scorrevole. Sono personalmente molto orgoglioso di questo lavoro. L'ho suonato con altre diteggiature e la differenza è immensa. Questa è fantastica. Sentiti libero di adattarla ancora di più alle tue caratteristiche speciali e alla tua maniera di suonare. Carlevaro non ha mai pubblicato un arrangiamento diteggiato di Una Limosna. Sono molto lieto di poter condividere con i miei alunni il frutto del mio contributo.



Una Limosna por el Amor de Dios, Agustín Barrios Mangoré.
Renato Bellucci Studio, Maggio 2013. Renato suona la chitarra
Marín del 1918 di Barrios (completamente restaurata, forma parte della collezione Belucci)

Una limosna... staff #1
             knock=colpo
Video 1:

Analisi:

Ogni volta che il braccio sinistro deve realizzare un cambio di posizione, gli occhi fissano il tasto di atterraggio prima e poi guidano il braccio (glissando alla fine del pentagramma). Il pezzo presenta il tema principale dei 'colpi alla porta' in crome, dall'inizio, definendo ciò che sentirai lungo tutto il pezzo. Pratica il tremolo ad una velocità in cui hai il controllo totale delle dita della mano destra, e pianta ogni dito che partecipa alla creazione dell'effetto. Questo si può fare con una velocità di metronomo tra gli 85 e i 135 battiti al minuto. Aumentala gradualmente intanto che la tua mano destra non acquisisce sicurezza e il suono non comincia a scorrere.

Asunción, 29 dicembre 2003
Revision: Santa Monica, CA. 29 novembre 2012
Rev-ita: Firenze, 8 dicembre 2013

Mail Renato Bellucci renato@mangore.com
© 1997-2013 Mangore. All rights reserved.