Iscriviti e ottieni accesso pieno a 57 pezzi, compendio tecnico di chitarra e teoria musicale
Le unghie del chitarrista: Panoramica
Pag 1: Panoramica
Pag 2: Storia

Come raddrizzare le unghie
2 tecniche:

Le unghie 'a gancio' possono essere un vero incubo per il chitarrista classico. Impedendo lo scorrimento dell'unghia attraverso le corde, queste deformazioni possono rovinare la tua tecnica chitarristica. Il mio metodo preferito per raddrizzarle è la tecnica del saldatore. 

Tecnica dell'aggeggino  Tecnica del saldatore

Le unghie sono state e saranno sempre una notevole preoccupazione ed impegno per il chitarrista. Suonatori di corde vari, da liutisti  e vihuelisti a chitarristi, dibattono sul problema sin dal lontano sedicesimo secolo. Quando uno studente solleva le sue obiezioni, non fa altro che aggiungere un ulteriore tassello a questa diatriba centenaria. Molti chitarristi preferiscono non far sporgere le unghie, specialmente chi è agli inizi dello studio o chi si è avvicinato allo strumento per puro senso ludico o per 'fare qualche giro di accordi'. In queste pagine troveranno materiale molto interessante.

La comunissima frase 'tocco di unghia' è spesso adoperata confusionariamente, poiché per le dita della mano destra il modo corretto di affrontare la corda è una combinazione di punta del dito (polpastrello) e unghia. Usando solamente le unghie si produce un suono sottile, di plastica, mentre usando solamente il polpastrello il suono che si produce è opaco. Lo spessore, così come l'ampiezza e la curvatura delle unghie di ogni singolo individuo, sono fattori che hanno un'influenza diretta sulla qualità del suono prodotto dal chitarrista.

Ci vogliono alcuni anni per divenire esperti delle proprie unghie. "Il chitarrista deve aver cura delle proprie unghie, altrimenti non sarà mai un buon chitarrista". Questo non vuol dire che bisogna essere bravi a fare manicure (tipico atteggiamento del chitarrista stupido). Ciò che significa è che il chitarrista deve sviluppare una lucida consapevolezza di come e quanto la sua produzione e qualità del suono siano legate alla "qualità" delle sue unghie. Un'equazione fondamentale è: le unghie stanno al chitarrista come le corde vocali stanno al cantante. Un paragone ancora più sottile: le unghie sono come le spazzole dei pennelli di un pittore. Hanno - dovrebbero avere - un'importanza gigantesca. 

brushes/fingernails

L'immagine qui sopra mostra i pennelli di mia moglie. Sono molto eloquenti. Il chitarrista dev'essere capace di cambiare l'angolo di attacco alle corde per produrre uno spettro di suoni 'panoramico'.

Così come è vero che nel mondo ci sono alcune persone che hanno ricevuto in dono dalla vita dita, mani, orecchio interno, ecc., perfetti, è anche vero che ce ne sono alcune benedette con unghie perfette. Non è facile descrivere l'unghia perfetta; la perfezione è in funzione della posizione che noi impostiamo per produrre il suono. Saremmo più o meno dei lunatici se tentassimo di suonare ad un angolo perpendicolare alle corde avendo unghie troppo sottili o a gancio (caratteristica Williams/Parkening). Di solito, suonando con le dita della mano destra perpendicolari alle corde, vuol solo dire che stiamo torcendo innaturalmente il polso con relativi danni alla nostra salute. Non esagero, esistono veri rischi di malformazioni per insistenza/testardaggine in questo tipo di approccio. 

fingernails to an angle
heart side = lato del cuore, lato sinistro

Queste sono le unghie che io raccomando. Apice arrotondato e angolo sinistro accorciato. Questo lascia il giusto spazio per il contatto con il polpastrello prima del colpo d'unghia, evita che l'unghia agganci la corda perchè la lunghezza contenuta dell’unghia non consente che la punta si pieghi all'ingiù, e infine il dito sarà aiutato dal colpo che comincia dall'articolazione principale della mano.

Studia attentamente le TUE unghie e non assumere che quella attuale sarà la loro forma definitiva. Con gli anni, le unghie diventano più spesse, il tuo corpo si modifica così come il tuo modo di sedere, e logicamente anche il tuo angolo di attacco; di conseguenza, se vorrai ottenere quel suono a te familiare, molto probabilmente dovrai modificare le tue unghie. 

Renato's nails In questa immagine è possibile vedere un set di unghie tipiche di un chitarrista classico. Spesso la forma delle unghie è anche definita dal repertorio che un musicista è solito eseguire. Il mio modo di curare le unghie è tenerle ben levigate - usando una comune limetta in cartoncino - lievemente più corte sul lato che attacca la corda, e chiaramente sempre molto pulite. Se per caso ti eserciti per più di 3 ore al giorno (sarebbe meglio evitarlo, altrimenti c'è una forte probabilità che il prossimo website da visitare sia quello di uno psichiatra), un'altra limatina 'non nuoce'.

Una settimana prima di un concerto, taglio le unghie più corte del normale e permetto loro di crescere controllandole attentamente ed eventualmente ricorrendo a dei ritocchi di limetta. In alcuni rari brani può succedere che venga richiesto l'uso del mignolo della mano destra o l'uso del pollice della mano sinistra, per cui la nostra cura va indirizzata, anche se in modo minore, anche a queste due dita. (Un esempio: nei rasgueados è richiesto l'uso del mignolo -.... e poi è già difficile spiegare agli amici il perché di una mano con 5 unghie lunghe e l'altra con 5 unghie corte, lasciamo perdere qualunque tentativo di spiegare perchè portiamo corta l'unghia del mignolo della mano che porta unghie lunghe....)
Thumb Io tengo l'unghia del pollice abbastanza lunga e piuttosto squadrata verso i bordi. E' questa l'unghia che aggiunge corpo al suono dei bassi. Alcuni chitarristi usano il pollice senza l'unghia, e altri, me incluso, la usano in un angolo di attacco che renda i bassi più tondi o più sottili.

In altri casi viene usato solo il polpastrello, per un suono di basso super-tondo. Abel Carlevaro e molti dei suoi studenti hanno sviluppato anche un "quarto suono per i bassi" che si produce attaccando la corda trasversalmente con il pollice. E' più che altro una questione di gusto personale scegliere il tocco adeguato al momento giusto.


Nail Care essentials and repair kit
US$ 32

Tecnica dell'aggeggino


L'aggeggino che si vede in quest’immagine non è un marchio di fabbrica: è un marchio registrato da me. Molti visitatori del sito, vedendo quest’immagine, mi hanno chiesto se "scherzavo". Non è uno scherzo, ho ideato questa - chiamiamola apparecchiatura o protesi di ausilio, per alcuni casi estremi. L'esperienza ci dimostra che sviluppando una giusta abilità nell'uso della lima si risolveranno la maggior parte dei problemi di unghie.   



Tecnica del saldatore

Un ottimo sistema di raddrizzamento delle unghie che ho cominciato a favorire circa un anno fa. Quello che fai è, in poche parole, scaldare la striscia finale dell'unghia dalla parte superiore con un saldatore mentre allo stesso tempo la spingi all'insù dalla parte inferiore con un diapason. Mi è venuto in mente vedendo in liuteria come il caldo aiuta a piegare il legno per le fasce (immagine sotto).


Bending the sides of the guitar

Mi sono detto "se il calore può piegare il legno, certamente potrà raddrizzare un'unghia storta". Infatti è così, e considero questa la miglior tecnica in assoluto perchè te le mantiene dritte per 7-10 giorni. Va senza dire che bisogna praticarla all'inizio senza collegare la presa, in modo da evitare incidenti sgradevoli e dolorosi. Guarda il video per istruzioni.


Hooked fingernails, tuning fork
Ti servirà un diapason....
Soldering Iron
e un saldatore
hooked fingernails, guitar, picture 1
1-Mi piace usare il mio diapason per spingere l'unghia perchè ha la testa arrotondata e la lunghezza perfetta. Puoi usare qualcos'altro se ti serve meglio per il compito. La cosa importante è che lo strumento che usi dev'essere sufficientemente corto da permetterti di sostenerlo e far pressione con una sola mano.
Hooked fingernails, push the nail
2-La punta arrotondata del diapason spinge l'unghia dal basso. L'idea è che intanto che viene spinta insù, il calore del saldatore cambia la sua forma.
Hooked fingernails, picture 3, the heated soldering iron
Io uso un saldatore comprato a Radio Shack, ma va anche bene il ferro per la piega di capelli se hai ragazze che lo usano in casa. Lo scaldo per circa 2 minuti, poi levo la presa e lo applico alle unghie, intanto che da sotto l'unghia il diapason fa pressione e scolpisce la forma. Puoi anche usarlo acceso, ma con la presa collegata hai meno controllo sul grado di calore e potrebbe arrivare al punto di bruciarti l'unghia... quindi devi essere super attento.
Straightened nail
Il concetto è molto semplice e geniale, e naturalmente, funziona perfettamente. Il calore cambia la struttura molecolare della tua unghia, rendendola più flessibile, in modo da poter cambiare la sua forma a tuo piacimento.

Pag 1
Pag 2
Mail Renato Bellucci renato@mangore.com
© 1997-2012 Mangore. All rights reserved.