Iscriviti e ottieni accesso pieno a 57 pezzi, compendio tecnico di chitarra e teoria musicale
Impara a leggere musica

Imparare a leggere musica è una cosa molto facile. Se osservi un chitarrista che suona leggendo, e poi metti lo spartito davanti a te, forse ti viene da dire 'non decodificherò mai questi geroglifici'!!! Ma c'è una differenza molto chiara tra il leggere a prima vista a tempo e semplicemente leggere. Certo che con tempo e pratica, leggere diventa leggere a prima vista. Per motivi di praticità, tutto quello che ci interessa per ora è riuscire a decifrare i simboli che sono veramente pochi e facili.

Io dò la colpa ai maestri sia nelle scuole che nei conservatori e scuole di musica per la cattiva reputazione associata alla lettura musicale.  Il problema è che gran numero di maestri impongono la lettura simultaneamente con l'apprendimento meccanico delle fondamenta chitarristiche, appena comincia la prima lezione. E' come tentare di insegnare a un neonato a leggere prima che possa dire la parola mamma. Prima si dovrebbe fare arrivare a un alunno a un livello decente e una volta che la motivazione (ELEMENTO FONDAMENTALE) e autostima sono costruiti, si introducono i simboli e la loro interpretazione.

Un alunno dovrebbe arrivare al punto in cui vuole imparare a leggere musica, ma il motivo per cui si avvicina al maestro è per imparare a suonare la chitarra, non per essere da subito torturato con gergo teorico ricercabile in google.  Detto questo e sperando che tu ancora abbia voglia di imparare a leggere musica, ti farò vedere un processo molto semplice che funziona e che può evolvere fino al livello che tu desideri. Divido l'attività di leggere musica in fasi, e in qualunque fase tu ti trovi in questo momento, la profficienza può arrivare al 100%

La prima fase della lettura musicale è quella in cui conosci la melodia (voglio dire che l'hai sentita e che ti è vagamente familiare) e vuoi suonarla avendo il foglio davanti a te. 

Nella tua vita come musicista, non succederà spesso che tu voglia imparare un pezzo che non hai mai sentito prima, a meno che tu non ti stia preparando per un concorso nel quale un pezzo nuovo si sta commissionando per l'esordio fatto dai concorrenti. 

Nella fase 1 devi solo capire come e dove si traducono quei punti, numeri e segni del pentagramma sulla tastiera. Ci sono solo alcuni punti basilari che renderanno il processo veramente semplice.  Devi solo SAPERE certe cose. 

  • Il pentagramma (le cinque linee orizzontali, conosciute in inglese come staff), ti dà informazione su quanto sia acuto o grave un suono. La terza linea è il punto medio. Questo punto medio equivale alla seconda corda aperta della chitarra: un Si .  (le corde della chitarra si contano dal basso verso l'alto).
Staff
pentagramma
mid-point
punto medio: (Si) = seconda corda della chitarra

Nella fase 1 ti basta col vedere gli ovali o punti neri, e osservare la loro altezza sul pentagramma. Quando si legge musica in questa fase (conoscendo la melodia) non interessa altra informazione riguardo questi ovali che sono le teste delle note, e quindi si ignora momentaneamente il resto della simbologia grafica (i gambi e le cediglie, le unioni orizzontali dei gambi, dette anche virgole):  

Music notation 2
elimina mentalmente le linee (i gambi e cediglie), i puntini piccoli, i 'vuoti' dentro le note, etc.

Dotson the staff
Interessano soltanto le teste.


  • La seguente cosa che devi sapere, per il fatto che rivela molto di più di quanto sembri, è questa:
G cleff

Il motivo per il quale questo simbolo (La chiave di Sol) è cosi importante è che è letteralmente la chiave che decifra il codice. La notazione musicale è un codice e l'informazione fondamentale si trova nella zona rossa, l'inizio della 'chiocciolona':

G cleff

La zona rossa si trova sul Sol della seconda linea del pentagramma (ergo chiave di Sol in 2a linea o più semplicemente chiave di Sol)

G

Questo punto sulla seconda linea è il Sol, la terza corda aperta sulla chitarra.

Con le conoscenze acquisite fino al momento, puoi dire con tutta certezza che sai questo:  

The staff

Le note sono Si, Si, Sol, il che significa che suoni corda 2, corda 2, corda 3

Per suonare, i chitarristi usano 4 dita di una mano e 4 dita dell'altra. Ogni 3 decadi o più, e specialmente se sei uno show-off , ti troverai a dover usare 5 dita di una mano... ma d'altra parte quando arriverà quel momento saprai come affrontarlo... e comunque sicuramente non ti troverai a leggere questa pagina... Detto questo, qui sotto puoi apprezzare la maniera in cui noi chitarristi ci riferiamo alle corde e alle dita delle mani coinvolte nella produzione del suono  (nomenclatura per suonatori con la destra dominante, visione dall'alto): 

Guitar fingers, strings and barre

Una volta che sai a memoria queste poche 'cose', quello che devi fare è memorizzare le sei corde sul pentagramma, e i loro nomi.  Usando solo queste 6 note (che ormai son solo quattro) e il cervello, dovresti essere capace di ubicare ogni singola nota della tastiera.

       MI        SI       SOL        RE         LA           MI


The 6 strings

Quello che puoi fare adesso, intanto che io preparo la terza parte, è identificare e suonare
ogni Mi, Si, Sol, Re, La, e Mi (E B G D A E) in qualsiasi spartito a disposizione.

Adesso puoi riconoscere 6 punti immediatamente, e la loro ubicazione sulle corde. Sono le sei corde aperte della chitarra.  Tu SAI che le note naturali esistenti sono 7: Do Re Mi Fa Sol La Si. Tutte le note ECCETTO Mi e Si possono alterarsi usando diesis #. (I bemolli li spieghiamo in un secondo momento.) 

Quindi le note naturali più quelle alterate sono 12:

Do/Do#  Re/Re#  Mi   Fa/Fa#  Sol/Sol# La/La#  Si 

I diesis si traducono cosi:  Tasto x + 1. Se il tasto 1 della 6a corda è F (lo è), allora tasto 2 sulla 6a corda sarà Fa#.
Tutte le note esistenti possono anche alterarsi diventando bemolli.  (anche se il 99% del tempo gli unici bemolli che vedremo saranno il Mi e il Si). I bemolli si traducono cosi:  Tasto x - 1. Se il tasto 3 sulla 5a corda è un Do (lo è) allora il tasto 2 sulla 5a corda sarà un Dob (Si). Per motivi pratici, usa diesis quando conti in su, e bemolle contando in giù.

Do, Do#, Re, Re#,  Mi, Fa, Fa#, Sol, Sol#,La, La#, Si,
Si, Sib, La, Lab
Sol, Solb, Fa, Mi,  Mib, Re, Reb, Do, 



Continua nell´area iscritti

Mail Renato Bellucci renato@mangore.com
© 1997-2012 Mangore. All rights reserved.