Iscrizione x 1 anno
Rinnovo annuale
"Elegia", Federico Moreno Torroba
Trascrizione e Diteggiatura:
Renato Bellucci

Federico Moreno Torroba

Considero Torroba uno dei più grandi compositori spagnoli. Le sue opere sono intelligenti e passionalmente spagnole nel carattere. Torroba è noto per aver introdotto armonie contemporanee 'nella giusta misura'.

Neil Armstrong metteva piede sulla luna nel 1969...proprio mentre Andrés Segovia incideva Castillos de España per la Decca... Sotto c'è una foto di Elegía, il castello che corona la Torija, un piccolo paesino del centro di Spagna.

Ecco com'era il castello quando Torroba ha scritto il pezzo. 
Nelle melodie dell'inizio si sente soffiare il vento tra le rovine, come l'eco di tempi passati.

Elegia in ruins
La fotografia qui sotto ci mostra Elegia dopo il restauro:
Restored castle
L'unica cosa che è rimasta la stessa è l'alberello sulla sinistra...

Le note musicali scritte da Torroba sono abbastanza diverse da quelle della registrazione di Segovia del 1969. Per esempio, Segovia ha cambiato un Sol# per un Sol nelle misure 8 e 24 (frammento sotto). Era una pratica normale, visto che quasi tutti i compositori stavano scrivendo per uno strumento classico nuovo, del quale Andrés Segovia era l'autorità massima. Apparte questo, Segovia aveva una reputazione stabilita internazionalmente, mentre compositori come Torroba, Ponce e Villa-Lobos erano insignificanti puntini sulla cartina mondiale chitarristica. E' quindi chiaro che a loro non dava fastidio nessun cambio (nelle parole del Padrino, Segovia faceva ad ogn'uno di loro un'offerta che non potevano rifiutare). Una ripetizione completa delle misure 9-24 è omessa.

G-G#
Frammento

Sentimi suonare Elegía, traccia del mio album "Guitar Celebration". 1990. Stream »

Elegia, staff 1

Clicca qui per TAB

Video 1:

Analisi:

L'inizio è dolce e l'eco dovrebbe suonare come se provenisse da lontano. Sostieni il Fa# nella terza misura. Tutti i glissando di Elegia sono importanti perchè aiutano a trasmettere la dolcezza e il carattere nostalgico dell'opera. Usa le corde aperte per guadagnarti un pò di tempo e muoverti alle nuove posizioni sulla tastiera. E' il caso con la sequenza del basso La-Re nell'inizio della misura 2. Una leggera pausa subito dopo il basso ti darà anche del tempo in più per il cambio di posizione, come succede nel Re basso e il Fa# dell'inizio di misura 3. La freccia arancione mostra il lavoro del dito 4, portatore della melodia nel pentagramma 1.


Asuncion, 25 luglio 2003
Revisione: Santa Mónica, 1 dicembre 2012
Mail Renato Bellucci renato@mangore.com
© 1997-2013 Mangore. All rights reserved.